Tel. 0547 666059
Email. info@cortedeiturchi.it

ItalianoEnglish
prenota ora

Terre del Rubicone

Siamo abituati, fin dall’infanzia, ad associare il Rubicone alle vicende storiche di Giulio Cesare e alla celebre frase “il dado è tratto”. Oppure visitiamo l’entroterra riminese come ripiego nelle giornate di pioggia!

Relais Corte dei Turchi Rubicone

Le Terre del Rubicone invece meritano un viaggio a sè stante, alla scoperta delle bellezze paesaggistiche e delle tradizioni secolari conservate nei suoi borghi.
La recente apertura del casello autostradale dal nome emblematico, Valle del Rubicone, non concede ulteriori scuse per rimandare il viaggio in queste incantevoli terre romagnole. La Strada dei Vini e dei Sapori, collega fra loro, come un cordone che si snoda fra tradizioni millenarie, cantine dove si produce un ottimo Sangiovese o la nobile Albana, a frantoi dove ancora si spremono a freddo le olive per produrre un olio pregiato e delicato, su su fino a Sogliano, patria del Formaggio di Fossa e ancora fino a Montetiffi, dove da secoli si producono le teglie in terracotta per la cottura della Piada romagnola.
Da una vallata all’altra, da un crinale all’altro, con la visione di S. Marino e del mare Adriatico all’orizzonte, si rincorrono paesaggi di rara bellezza, colline coltivate a frutteto che in primavera fioriscono simultaneamente, dando l’impressione di essere immersi in un quadro di Van Gogh, fra pennellate di rosa, di bianchi, di gialli, macchie di bosco dove non è raro imbattersi in qualche capriolo, brulli calanchi d’ argilla. E ovunque antichi oliveti e vigneti dai filari regolari, che salgono dal fondovalle ai colli.
Sono le strade della mitica gara ciclistica “Nove Colli”, e qualche ciclista che risale i tornanti è ormai parte del paesaggio di questi luoghi.

E quando in pianura regna sovrana la nebbia, in queste terre la cima di ogni collina diventa una piccola isola, ogni campanile un faro.

In cima ad ogni colle un piccolo borgo di case arroccate attorno a un castello o ai resti di una torre, o di un convento: memorie dei fasti e degli intrighi dei Malatesta, dei Guidi, dei Borgia, dei Montefeltro. E in ogni borgo una piazzetta, un’ osteria, una piccola trattoria, angoli dove il tempo si è fermato, dove è ancora possibile, fra una partita a scopa e una a maraffone, fermarsi a contemplare il tramonto avvolti nei profumi della buona cucina romagnola, fra un piatto di tagliatelle fatte in casa, una piada calda croccante col prosciutto tagliato a mano o il formaggio squaquerone, la zuppa inglese all’ alkermes, un pezzetto di formaggio di fossa bordato di Savor, un buon bicchiere di genuino Sangiovese.

Relais Corte dei Turchi Rubicone
Principali itinerari di visita
  • Roncofreddo, Sorrivoli, Monteleone, Savignano, Borghi, Sogliano, Montetiffi.
  • Distretto Calzature di lusso di San Mauro Pascoli e Savignano sul Rubicone con calzaturifici conosciuti in tutto il mondo come Pollini, Sergio Rossi, Baldinini, Giuseppe Zanotti e tanti altri ancora.
  • La costa adriatica:
    Cesenatico, Cervia-Milano Marittima, Bellaria-Igea Marina, Rimini, Riccione, Cattolica.
  • Cesena, Bertinoro, Fratta Terme, Forlimpopoli, Forlì.
  • Risalendo la valle del Savio:
    Sarsina, Bagno di Romagna, Parco Nazionale delle Foreste Casentinesi.
  • Ravenna, Pineta di Classe, Comacchio.
  • S. Arcangelo e la Valmarecchia:
    Verucchio, Torriana, Montebello, S.Marino, S.Leo, Pennabilli
  • Montefiore Conca, Gradara, il promontorio di Gabicce, Casteldimezzo, Fiorenzuola di Focara.
  • Pesaro, Urbino e il Montefeltro.